Corsi

Le sedi preposte per i corsi di Non Solo Babysitter sono lo studio di Via Livenza, 6 (terzo piano) o la palazzina centrale del Circolo Montecitorio in Via dei Campi Sportivi, 5.
Tutti i corsi possono essere, su richiesta, fatti in inglese.

COME PRENOTARE UN CORSO:
Invia una mail a info@nonsolobabysitter.com
Oppure
contatta lo 06 94803017 (9:00 – 22:00 dal lunedì alla domenica).

 

REFERENTE: Dott. Roberto Albani (pediatra)
OBIETTIVI: lavorare con attenzione competenza e dedizione a costruire un buon rapporto, per vivere insieme ai figli con qualità, aiutarli a diventare consapevoli, sicuri di sé, autonomi, responsabili, capaci di realizzare i propri progetti e le proprie passioni.
DURATA: il corso si articola in cinque incontri a tema

DETTAGLI:

1° INCONTRO: Ascoltare, Accogliere

  • Cosa sentono i bambini: le loro emozioni, come accoglierle, incoraggiarli a viverle e ad esprimerle. Il rispecchiamento e la mentalizzazione delle emozioni del bambino piccolo.
  • Mano a mano che cresce, come farlo sentire ascoltato: l’ascolto attivo, o empatico, fondamentale per inaugurare un buon rapporto e per tutti gli altri scopi.
  • I molteplici effetti benefici di questo approccio.

2° INCONTRO: Svelarsi e farsi ascoltare

  • Concedersi ciò che non ci è stato concesso: imparare ad ascoltare se stessi empaticamente e ad accogliersi.
  • Svelarsi ai figli e aiutarli a capirci, ad ascoltarci: i messaggi-io. parlare in prima persona, riflettore su di noi. Evitare di etichettarli, insultarli, mancare loro di rispetto. Ma non accettare che ci manchino di rispetto: abbiamo autostima? lo dimostriamo con gli atteggiamenti e con i fatti?
  • Come superare le resistenze e le ribelioni dei figli senza urlare, minacciare, punire: il cambio di marcia.

3° INCONTRO: I CONFLITTI FRA BISOGNI

  • I conflitti fra bisogni: come conciliare i nostri bisogni con i loro:
  • La gestione ragionevole dei conflitti, il negoziato, un ritornello che dura una vita.
  • Il potere: esiste un problema di potere nei rapporti affettivi: come gestirlo? da quando?

4° INCONTRO: I CONFLITTI FRA VALORI

  • È giusto che gli imponga i miei valori, i miei gusti, i miei principi? Equilibrio fra il desiderio di influenzare le sue scelte e il rispetto per la sua autonomia…
  • Come trasmettere efficacemente i miei valori a mio figlio?
  • Quando comincerà a capire ed apprezzare ciò che penso e ad essere d’accordo con me?
  • Se voglio indirizzarlo, come l’aiuto ad analizzare le opzioni disponibili e a fare le scelte importanti di vita? e, se non mi ascolta, devo comunque rispettare le sue decisioni?

5° INCONTRO: I CONFLITTI DI RESPONSABILITÀ

  • La loro autonomia è un optional o una necessità vitale? Quando inziare a incoraggiarla? Come?
  • I rischi e le cautele: la madre “snaturata”
  • Il padre, le divergenze fra genitori: “Tu rischi troppo, sei superficiale, non te lo posso lasciare un minuto che finisce sempre per farsi male” “Tu lo proteggi troppo, gli stai troppo addosso, non lo lasci respirare..”. Creare un “fronte unito”?
  • “Mio figlio è un irresponsabile!”… Il senso di responsabilità, da quando comincio a inculcarlo? Come?
  • Alla fine: lo lascio andare? Davvero lo voglio?

REFERENTE: Dott.ssa Stefania Bovalino e Dott. Alessandro Albani

DETTAGLI:
Il termine “orientamento” generalmente viene usato con due accezioni diverse: può indicare sia l’azione di orientarsi, cioè il processo socio-psicologico che il soggetto mette in atto per affrontare attivamente il proprio problema scolastico, sia l’intervento professionale realizzato dagli operatori per supportare l’individuo in questo processo di “educazione alla scelta”.

Gli interventi proposti dagli operatori tendono a favorire una riflessione collettiva nella classe, in modo che il singolo studente possa esprimere, in un confronto continuo con i pari e con gli adulti, nel momento del gruppo di lavoro, ma anche in seguito con gli insegnanti, a scuola e con le famiglie, a casa, le proprie idee ed i propri desideri rispetto al futuro scolastico e professionale. Quindi, l’obiettivo dell’attività di orientamento è quello di facilitare scelte auto determinate. A tale fine gli interventi tendono ad attivare una riflessione per i pre-adolescenti e per gli adolescenti, sui motivi delle loro scelte e sulle difficoltà insite nel processo decisionale.

In questo percorso finalizzato a sostenere gli studenti nella progettazione, decisione e realizzazione di una scelta scolastico-professionale, saranno sviluppate alcune specifiche competenze mirate a supportare tale compito:

  • Conoscenze dei fattori implicati nel processo di orientamento;
  • L’analisi dell’immagine che si ha di se stessi e del contesto sociale in cui si vive;
  • La raccolta e l’organizzazione delle informazioni necessarie alla presa di decisione;
  • Lo sviluppo della capacità progettuale e decisionale;
  • Il potenziamento delle risorse individuali;
  • L’utilizzo di fonti e strumenti informativi disponibili;
  • La messa in atto di comportamenti adeguati alla realizzazione del progetto orientativo.

Un’altra abilità promossa dagli interventi successivamente dettagliati, è quella dell’auto-consapevolezza intesa come possibilità di conoscere meglio se stessi, il proprio carattere, i propri punti di forza e di debolezza e i propri desideri. Requisito importante per realizzare una comunicazione efficace in modo di potersi relazionare con gli altri senza paura di essere giudicati.

REFERENTI: Dottor Roberto Albani (www.roberto-albani-pediatra.it), Dottoressa Ersilia Armeni, Dottor Francesco Serino (Geriatra), Dottor Alessandro Albani (psicologo), Dottoressa Stefania Bovalino, Dottoressa Giulia Insom, Dottoressa Federica Alfani. La Dottoressa Elena Biondi, manager dell’azienda, è sempre presente durante i corsi.
OBIETTIVI: Formazione di base del personale Nonsolobabysitter
DURATA: Sabato mattina (a richiesta pomeriggio) dalle 10 alle 14.30 o dalle 15 alle 19.

DETTAGLI:
Non Solo Babysitter propone due corsi gratuiti di accoglienza e formazione per le sue candidate, la cui partecipazione consente di ottenere un apposito badge sul sito. Il primo corso è dedicato a chi si occupa della cura dei più piccoli e della casa e l’altro per chi si occupa della cura degli anziani e della casa. Non vengono rilasciati certificazioni formali ma un attestato di frequenza aziendale. Questo corso di primo livello ci consente però di conoscere meglio il nostro staff, di accertarci delle loro reali competenze e di essere sicuri che tutte le candidate/i candidati abbiano seguito due ore di primo soccorso e disostruzione pediatrica per adulti (di primo livello).

REFERENTI: Dottor Roberto Albani (pediatra)
OBIETTIVI:

  • Dopo un approfondimento sulle dinamiche del rapporto fra babysitter (tata) e la famiglia (madre), si discute gli strumenti comunicativi più opportuni per gestire questo rapporto nella maniera più efficace.
  • Approfondire la conoscenza del mondo emozionale del bambino e dei motivi dei suoi comportamenti e gestire efficacemente il rapporto con lui.
  • Rendere l’esperienza di lavoro più significativa e gratificante. La propria figura più credibile e autorevole.

DURATA: Il corso consiste in due incontri di 6 ore

DETTAGLI:
Il compito della babysitter è molto complesso:

  • conciliarle le attese e le raccomandazioni dei genitori con le proprie convizioni ed esperienza.
  • fare in modo che qualsiasi divergenza di principio o di approccio non influisca negativamente sul rapporto con i genitori e sulla gestione del bambino.
  • fare da vice-mamma: quindi avere un atteggiamento affettuoso e accogliente, dando al bambino lo stesso senso di sicurezza e protezione della mamma, pur conservando ilnecessario distacco professionale.

PRIMA GIORNATA:

  • scegliere gli approcci più opportuni per creare con i genitori un’atmosfera di fiducia reciproca, gestendo al meglio eventuali divergenze e sospetti.
  • aiutare il bambino a vivere ed esprimere le proprie emozioni.
  • aiutare il bambino a farsi una buona opinione di sé e ad avere più autostima.
  • Le pratiche quotidiane (nel mangiare, nel vestiario, nella regolazione di attività) che provocano inutilmente disagio e frustrazione: le fobie.

SECONDA GIORNATA:

  • attenuare e vincere le resistenze del bambino nel seguire regole e limiti: gestire i contrasti momentanei in maniera efficace e innocua
  • risolvere i conflitti che inevitabilmente si verificano con lui.
  • Conflitti fra bisogni, conflitti di principio: in che ambito siamo padroni noi e in che ambito il bambino è titolare delle sue scelte?
  • Il negoziato: si negozia con lui? E, se sì, da che età è possibile farlo?
  • Varie ed eventuali. Discussione e conclusioni.

COSTO: Il costo del corso è di 200 €

REFERENTE: Dottoressa Michela Massoud , Dottor Luca Tortorolo
OBIETTIVI: Far apprendere ai partecipanti, tramite una lezione frontale teorica e stazioni di addestramento pratico a piccoli gruppi su manichini, le principali manovre e la sequenza di rianimazione di base del lattante e del bambino in condizioni di arresto respiratorio e/o cardiaco o con ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Il Corso permette inoltre di apprendere conoscenze e abilità relative all’impiego del defibrillatore semiautomatico nel bambino in arresto cardiorespiratorio.
DURATA: 4 ore

  • Tempo dedicato alla teoria: 1 ora
  • Tempo dedicato alla pratica: 3 ore circa

DESTINATARI: Tutta la popolazione non sanitaria

DETTAGLI:

  • Eventi come ostruzione delle vie aeree, arresto respiratorio e arresto cardiaco, generano paura, confusione e impotenza. Ciò determina difficoltà di gestione dell’evento nei primi minuti. Il risultato e’ un’elevata mortalità eliminabile quasi del tutto tramite una migliore conoscenza delle poche ma decisive manovre che vanno effettuate nell’immediata attesa dei soccorsi. In questa situazione ognuno di noi e’ comunque potenzialmente in grado di aumentare drasticamente la sopravvivenza dal 20%-30% fino al 70%-80%.
  • Nel corso di PBLSD (pediatrico) ci si allena ad effettuare le corrette manovre di rianimazione cardiopolmonare in accordo con i protocolli internazionali, focalizzandoci prevalentemente sugli aspetti pratici, con l’ausilio di manichini pediatrici.
  • Al termine del corso verrà rilasciato un attestato, riconosciuto dall’Italian Resuscitation Council (valido a livello nazionale).
  • Il Corso BLSD Pediatrico esecutore per non sanitari (BLSDP a) si inserisce nell’ambito della formazione all’emergenza pediatrica di base della popolazione, ed è organizzato da IRC in collaborazione con l’Accademia Medico Infermieristica di Emergenza e Terapia Intensiva Pediatrica (AMIETIP) e la Società Anestesisti e Rianimatori Neonatali e Pediatrici Italiani (SARNePI) e IRC Comunità. E’ un Corso aggiornato in base alle nuove linee guida internazionali di rianimazione (ILCOR,ERC 2010).
  • Gli istruttori sono medici ed infermieri certificati da IRC come istruttore pediatrico di base dopo l’adempimento del percorso formativo previsto dal regolamento dei corsi base IRC.
  • Rapporto partecipanti/istruttori: 6:1

COSTO: Il costo del corso e’ di 65 euro a partecipante.

TARGET: educatrici e genitori (da svolgere distintamente)
DURATA: 4 ore (più mezz’ora per le presentazioni iniziali)
METODI: lezioni frontali; diapositive; circle time

DETTAGLI:

  • 1a ORA
    Esigenze e cure fisiche del neonato e del bambino sano (aspetto e comuni varianti anatomiche, cura dell’ombelico, temperatura corporea, vestiario )
  • 2a ORA
    Esigenze nutrizionali (alimentazione: al seno, mista, artificiale; svezzamento)
  • 3a ORA
    Tappe dello sviluppo normale (cenni sullo sviluppo motorio, linguaggio, sociale e sul sonno )
  • 4a ORA
    Piccoli disturbi e come distinguerli da quelli seri (cenni di primo soccorso; quando chiamare il pediatra e quando andare al P.S.)

COSTO: Costo del corso: 40 euro.

Corso di orientamento alla socioaffettività.

OBIETTIVI:

  • il rispetto per i valori degli altri;
  • il raggiungimento di uno sviluppo armonico della personalità;
  • un atteggiamento positivo nei confronti della sessualità;
  • la capacità di scelte autonome e responsabili.

DESTINATARI: Il corso è indirizzato a ragazzi/e dai 12 ai 14 anni.
DURATA: 2 incontri di 3 ore ciascuno. Sabato o Domenica pomeriggio.

DETTAGLI:
Il presente progetto rientra nel quadro generale degli interventi di promozione della salute di cui le parole chiave sono: sani stili di vita e benessere. Il progetto generale risulta onnicomprensivo dei vari aspetti della sessualità (fisiologico, psicologico, culturale e sociale). Il progetto è strutturato in tre moduli, che rappresentano i filoni principali degli argomenti da trattare.

I MODULO: significato e ruolo della sessualità nello sviluppo
Modalità di realizzazione

  • Si cercherà di sollecitare la discussione aperta attraverso giochi di attivazione e anche con l’ausilio della formulazione anonima di domande scritte, al fine di rispettare la riservatezza e la resistenza dei ragazzi nell’esporsi sui temi della sessualità.
  • Drammatizzazioni e giochi di ruolo potranno inoltre essere usate al fine di facilitare l’espressione di atteggiamenti e opinioni sui cambiamenti corporei e psicologici che i ragazzi stanno preavvertendo o vivendo già.

II MODULO: la dimensione relazionale e affettiva della sessualità
Modalità di realizzazione: Attraverso giochi di ruolo, simulate e discussioni di gruppo, caratteristiche dell’approccio socio-affettivo, i ragazzi verranno stimolati a riflettere sulle loro emozioni, i loro sentimenti e le loro modalità di esprimere l’affettività, nonché sui loro modi di mettersi in relazione con gli altri.

III MODULO: la sessualità come scelta consapevole
Modalità di realizzazione: Attraverso esercitazioni si aiuteranno i ragazzi ad aumentare la consapevolezza del valore della sessualità in relazione alla famiglia.